Ispettorato Nazionale del Lavoro: APPLICAZIONE CCNL E LA TUTELA DEI LAVORATORI

L'azione di contrasto al fenomeno del dumping contrattuale iniziata a gennaio 2018 è in corso su tutto il territorio nazionale, in particolare nel settore del terziario (circ. n. 3/2018), nel quale si riscontrano violazioni di carattere contributivo o legate alla fruizione di istituti di flessibilità in assenza delle condizioni di legge.
 
L'azione si concentra nei confronti delle imprese che non applicano i contratti "leader" sottoscritti da CGIL, CISL e UIL ma i contratti stipulati da OO.SS. che, nel settore, risultano comparativamente meno rappresentative (CISAL, CONFSAL e altre sigle minoritarie).
 
Fermo restando il principio di libertà sindacale, infatti, la fruizione di benefici, così come il ricorso a forme contrattuali flessibili, è ammesso a condizione che si applichino i contratti "leader" del settore, contratti che vanno comunque sempre utilizzati per l'individuazione degli imponibili contributivi. Le imprese che non applicano tali CCNL potranno pertanto rispondere di sanzioni amministrative, omissioni contributive e trasformazione a tempo indeterminato dei rapporti di lavoro flessibili. Anche gli eventuali soggetti committenti risponderanno in solido con le imprese ispezionate degli effetti delle violazioni accertate.

MESSAGGIO 2430 ELABORAZIONE DEGLI F24 PER ARTIGIANI E COMMERCIANTI EMISSIONE DI GIUGNO.

OF71Y30Facendo seguito alla circolare n. 27 del 12.02.2018, con la quale si ricordavano gli adempimenti contributivi di artigiani ed esercenti attività commerciali per il 2018, nonché i termini dei relativi versamenti, con il messaggio 2430 del 18.6 l’INPS da ora informazione della ultimazione dell’imposizione contributiva per tutti i soggetti iscritti alla gestione per l’anno 2018 e per eventuali periodi precedenti non già interessati da imposizione contributiva.
A valle di questa attività sono stati predisposti i modelli F24 per il versamento della contribuzione dovuta.
 
Si ricorda che i contributi devono essere versati mediante i modelli F24, alle scadenze  seguenti:
 
•16 maggio 2018, 21 agosto 2018, 16 novembre 2018 e 18 febbraio 2019, per il versamento delle quattro rate dei contributi dovuti sul minimale di reddito;
•entro i termini previsti per il pagamento delle imposte sui redditi delle persone fisiche in riferimento ai contributi dovuti sulla quota di reddito eccedente il minimale, a titolo di saldo 2017, primo acconto 2018 e secondo acconto 2018.
 
Dal 2013 l’INPS non invia più le comunicazioni contenenti i dati e gli importi utili per il pagamento della contribuzione dovuta in quanto le medesime informazioni possono essere prelevate via web, a cura del contribuente o di un intermediario, mediante la funzionalità “Dati del mod. F24” contenuta nel Cassetto previdenziale per artigiani e commercianti.
 
Come detto i modelli F24 saranno disponibili già compilati nel “Cassetto previdenziale per artigiani e commercianti” alla sezione “Posizione assicurativa”> “Dati del modello F24, accedendo con le credenziali del titolare o di un intermediario in corso di validità.
L’Istituto ricorda che vi sarà anche una e-mail di alert ai titolari di posizione assicurativa o agli intermediari all’account di posta elettronica noto.
 
 
Dott. Michele Regina, CdL in Roma
 
 
 
 

PROTOCOLLO CONSIGLIERA DI PARITÀ E INL

684È stato sottoscritto un nuovo Protocollo d'Intesa tra la Consigliera Nazionale di Parità e il Capo dell’INL per rafforzare il coordinamento tra le rispettive attività nell'ambito di una consolidata collaborazione volta a favorire la piena applicazione della normativa in materia di parità e di pari opportunità tra uomo e donna.
 
La collaborazione tra le due Istituzioni coinvolgerà le Consigliere di Parità territoriali e gli Ispettorati Interregionali e Territoriali del Lavoro per assicurare un tempestivo scambio di informazioni circa le violazioni delle norme antidiscriminatorie nonché di quelle che disciplinano il rapporto di lavoro, di cui abbiano avuto conoscenza in occasione dello svolgimento delle rispettive funzioni.
 
L’Ispettorato nazionale del Lavoro si impegna a sensibilizzare le proprie sedi per garantire la costante attuazione delle seguenti forme di collaborazione:
 
- comunicazione tempestiva, nei rispettivi ambiti regionali e provinciali, alle Consigliere di Parità di eventuali situazioni discriminatorie di genere, anche collettive, riscontrate durante le ispezioni effettuate ovvero di cui gli Uffici siano venuti a conoscenza tramite l’URP o mediante apposita segnalazione;

- trasmissione di informazioni ai competenti Consiglieri di Parità sugli squilibri nella posizione tra uomini e  donne riscontrati in azienda, nel corso delle ispezioni e su ogni altra questione di comune interesse.
 
A sua volta la Consigliera Nazionale di Parità, si impegna a segnalare alle sedi dell’ITL le violazioni delle norme antidiscriminatorie nonché di quelle volte a disciplinare il rapporto di lavoro, di cui siano venute e a conoscenza in occasione dello svolgimento del proprio mandato.
 
Le parti collaborano, inoltre, nell’analisi dei dati e nella redazione del Rapporto annuale sulle convalide delle dimissioni o risoluzioni consensuali delle lavoratrici madri e dei lavoratori padri.
 
L’Ispettorato nazionale del lavoro esaminerà tempestivamente le richieste di intervento presentate dalle Consigliere di Parità. Sarà pertanto valutata l’opportunità di programmare verifiche ispettive in merito, compatibilmente con la pianificazione ordinaria della vigilanza nel rispettivo ambito geografico.
 
Le parti si impegnano a promuovere momenti formativi che coinvolgano il proprio personale nonchè quello della Direzione Generale dei Rapporti di Lavoro e delle Relazioni industriali del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per consolidare le competenze, conoscenze e metodologie di intervento e di valutazione nell’ambito delle azioni  antidiscriminatorie e di tutela e promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro. 
 
 
Dott. Michele Regina, CdL in Roma
 
 
 

ACCORDO 31 MAGGIO 2018 METALMECCANICA

Si ricorda che dal 2017 e nel mese di maggio di ogni anno le parti firmatarie del CCNL calcolano gli incrementi dei minimi contrattuali con decorrenza dal 1° giugno successivo sulla base dell'inflazione consuntivata misurata con l'Ipca al netto degli energetici importati
Pertanto nel rispetto del richiamato CCN, Federmeccanica e OOSS di categoria il 31 maggio u.s. hanno regolato gli importi dei nuovi minimi dal corrente mese di giugno che così risultano fissati dal 1.6.2018:
 
Categoria Minimi mensili
8ªQ 2.356,52
2.301,37
2.061,41
5ªS 1.921,46
1.792,65
1.673,87
3ªS 1.639,20
1.604,53
1.446,92
1.310,80
 
Gli importi delle trasferte  sempre dal 1.6.2018 risultano così stabiliti.
 
Tipo Importi dal 1.6.2018
Trasferta intera 43,24
Pasto meridiano o serale 11,79
Pernottamento 19,66
 
Il compenso per turni in  reperibilità sarà il seguente.
 
Livelli Valore giornaliero Valore settimanale
  16 ore (giorno lavorato) 24 ore (giorno libero) 24 ore festive 6 giorni 6 giorni con festivo 6 giorni con festivo e giorno libero
Sup. al 5° 6,65 10,92 11,51 44,16 44,76 49,03
4° e 5° 5,78 9,08 9,73 37,99 38,63 41,93
1°, 2°, 3° e 3°S 4,86 7,30 7,89 31,61 32,21 34,64
 
 
 
 
Dott. Michele Regina, CdL in Roma.

Per fornirti il miglior servizio possibile il nostro sito impiega Cookie tecnici ed analitici. Proseguendo nella navigazione oltre il seguente banner, anche rimanendo in questa pagina, viene espresso il consenso al loro impiego. Per avere ulteriori informazioni a riguardo e per disabilitare l'utilizzo dei Cookie da parte del nostro sito è possibile prendere visione della nostra Cookie Policy Cookie Policy