Le festività di gennaio 2017

Nel mese gennaio  si avranno le seguenti festività :Capodanno ( 1.1.2016, cadente  di domenica  )  ed Epifania ( 6.1.2016, cadente di venerdi  ).
 
I datori di lavoro dovranno  osservare le disposizioni di legge , oltre che quelle della contrattazione collettiva applicata .

Si riepilogano  pertanto alcuni spunti  utili che rinvengono dalla disciplina legale in materia.
 
Quando le festività sono godute, quindi senza prestazione lavorativa, deve essere corrisposto ai lavoratori non retribuiti in misura fissa mensile (operai e/o lavoratori temporanei) un trattamento economico di festività rapportato a un 1/6 della retribuzione settimanale.
 
Per la festività che non coincide con la domenica nessun trattamento aggiuntivo è dovuto agli impiegati e agli altri lavoratori retribuiti in misura fissa mensile in quanto detta festività è già compresa nello stipendio.

Per le festività  che coincidono  con la domenica (  come nel ns. caso Capodanno ,  1° gennaio 2017), è dovuta ai lavoratori  con remunerazione  fissa mensile, oltre alla normale retribuzione, una quota giornaliera della retribuzione di fatto, pari ad un ventiseiesimo della retribuzione mensile ovvero in base al  divisore , se diverso , stabilito dal contratto collettivo nazionale di lavoro.
 
Quando vi sia prestazione lavorativa nella giornata festiva verrà riconosciuto oltre al compenso spettante di cui sopra anche quello per le ore lavorate, incrementato delle maggiorazioni percentuali per lavoro festivo come da Ccnl applicato e nei contratti collettivi nazionali di lavoro: si fa pertanto rinvio alla loro consultazione.
 
Lavoratori in CIG - Se la festività infrasettimanale interviene in un periodo di Cig, il compenso previsto per la festività non rientra fra gli elementi integrabili da parte della Cassa perché a carico dell’azienda, per i lavoratori:
 
-a orario ridotto e cioè che lavorano comunque una parte della settimana;

-sospesi a zero ore settimanali, se si tratta di lavoratori retribuiti non in misura fissa mensile ma in rapporto alle ore, sospesi da non più di due settimane.
Invece il trattamento economico per la festività è a carico della Cassa per i lavoratori:
 
-sospesi a zero ore settimanali, se si tratta di lavoratori retribuiti non in misura fissa mensile ma in rapporto alle ore, sospesi da oltre due settimane;

-sospesi a zero ore settimanali, se si tratta di lavoratori retribuiti in misura fissa mensile sospesi anche da non più di due settimane.
 
Anf - Per la retribuzione delle festività è riconosciuto il diritto agli assegni per il nucleo familiare nei limiti delle disposizioni di legge e di prassi dettate dall’Inps. Non possono essere erogati complessivamente più di 6 assegni giornalieri per ciascuna settimana e 26 per ogni mese.
 
Regime fiscale e previdenziale - La retribuzione erogata per le festività concorre ai fini dell’imponibile previdenziale, unitamente a quella di competenza del mese, per il pagamento dei contributi a carico del datore e del lavoratore. La stessa retribuzione, al netto delle ritenute sociali a carico del dipendente di cui sopra , concorre con la retribuzione corrente  alla determinazione dell’imponibile ai fini Irpef su quanto percepito dal lavoratore nel prossimo mese di gennaio 2017

Circolare 203 del 25.11.2016

Rilevazione delle retribuzioni contrattuali degli operai a tempo determinato (O.T.D.) e degli operai a tempo indeterminato (O.T.I.) del settore agricolo, in vigore alla data del 30.10.2016, per la determinazione delle medie salariali.
 
Per i soggetti di cui all’art.8 della legge 12 marzo 1968, n.334 (piccoli coloni, compartecipanti familiari e piccoli coltivatori diretti) e per gli iscritti alla gestione coltivatori diretti, coloni e mezzadri, le Sedi INPS devono procedere annualmente  alla rilevazione delle retribuzioni medie provinciali per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato, occupati  nei  settori previsti per il comparto agricolo .
La rilevazione  delle retribuzioni deve fatta  alla data del 30 ottobre 2016..
Con la Circolare 203  l’Istituto conferma che il coordinamento dei dati da raccogliere su base provinciale  compete a ciascuna Direzione Regionale come il  controllo, sia di calcolo che di merito, dei dati rilevati dalle singole Sedi.   
La Direzione Regionale, inoltre, deve verificare che i dati relativi alla contrattazione integrativa regionale del settore idraulico-forestale e di quello cooperativistico siano rilevati, in tutte le province, in maniera uniforme.
Questi dati serviranno poi per la   trasmissione al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per l’emanazione del  relativo  Decreto direttoriale .
 Tali adempimenti devono essere assolti entro il  2 febbraio 2017 e l’Istituto si raccomanda la tempestività contattando e coinvolgendo  anche  le Organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro del comparto.
 
Le tabelle per operai a tempo indeterminato e a tempo determinato  (  denominate  RM1 O.T.D. Provincia.xls e RM2 O.T.I. Provincia.xls,) destinate all’inserimento dei dati, sono state aggiornate e saranno  scaricabili via web dall’ applicazione per operai agricoli .   
Nella stessa directory gli operatori delle province di AO, BG, BS, FI, PD, SS, TN, VR, avranno a disposizione tabelle personalizzate, che presentano settori agricoli particolari, specifici delle loro province.
 
Le tabelle hanno  più formule di controllo che verificano anche  la correttezza delle percentuali d’incidenza  retributive inserite.
Le Sedi Provinciali dovranno inviare entro il 16 gennaio 2017  tutta la documentazione relativa alle rilevazioni alle Sedi Regionali  e, previa verifica, entro e non oltre il 2 febbraio 2017, le Sedi Regionali provvederanno a collocare i file compilati e la documentazione scannerizzata nelle cartelle  appositamente create “Salari Medi Provinciali Regione”, utilizzando quella di propria competenza.

Nel prossimo mese di dicembre scade il termine della fruizione di almeno 2 settimane di ferie maturate nel 2016

L'articolo 10 del D.lgs 66 del 2003 stabilisce , fermo restando quanto previsto dal codice civile , che il lavoratore ha diritto ad un periodo annuale di ferie retribuite non inferiore a 4 settimane, fatte salve le migliorative previsioni contrattuali collettive.

Tale periodo va goduto per almeno due settimane, consecutive in caso di richiesta del lavoratore, nel corso dell'anno di maturazione e, per le restanti due settimane, entro i 18 mesi successivi al termine dell'anno di maturazione.

I datori che non abbiano ancora fatto fruire le due settimane di ferie del 2016 hanno a disposizione il solo mese di dicembre 2016 p.v. per ottemperare all’obbligo di legge.

Pertanto si riepiloga in breve la disciplina legale di riferimento sulla fruizione delle ferie , precisando però che è sempre obbligatorio leggere attentamente la contrattazione collettiva di riferimento che potrebbe diversamente disciplinare i tempi e le quantità di fruizione.

Abbiamo un primo periodo di ferie che come detto è pari a due settimane, che deve essere fruito nell’anno di maturazione.

Ovviamente se il lavoratore non fruisce di tale periodo di ferie nel corso dell’anno il datore diventa passibile di sanzione , fermo rimanendo che il lavoratore ha almeno un credito pari ai giorni di mancato godimento delle ferie.

Abbiamo un secondo periodo nel quale il lavoratore deve fruire delle ulteriori due settimane : tale periodo può essere fruito in modo ininterrotto o frazionato entro e non oltre 18 mesi dalla fine dell’anno di maturazione.

Se il lavoratore non fruisce di tale periodo di ferie il datore diventa passibile di sanzione , fermo rimanendo che il lavoratore ha un credito pari ai giorni di mancato godimento delle ferie.

Un terzo periodo inoltre potrebbe essere riferito alla fruizione delle ferie oltre il minimo delle quattro settimane: in tale periodo le parti possono accordarsi come da previsioni contrattuali collettive ovvero per pattuizioni individuali , non escludendo nemmeno la monetizzazione delle ferie , cosa non possibile per le prime 4 settimane.

La mancata fruizione delle ferie espone il datore di lavoro ad una sanzione che va:

- da € 100,00, a € 600,00 per ciascun lavoratore cui è riferita la violazione

- da € 400,00 a € 1.500,00 per ciascun lavoratore, se la violazione è commessa per più di cinque lavoratori ovvero si è verificata per almeno due anni

- da € 800,00 a € 4.500,00 per ciascun lavoratore, se la violazione si riferisce a più di dieci lavoratori ovvero si è verificata per almeno quattro anni.

La sanzione non trova applicazione nel caso in cui non sia possibile rispettare il periodo minimo di 2 settimane nell’anno di maturazione per motivazioni imputabili al dipendente quali assenza prolungata per malattia, maternità, infortunio.

Il Ministro del Lavoro risponde sulle visite di controllo

Il Ministero del Lavoro risponde all’ufficio territoriale di Venezia  rispetto ad una istanza di un’azienda sulla  corretta applicazione della procedura ex art. 6, L. n. 300/1970 intenzionata ad implementare la policy aziendale sulle visite personali di controllo.

L’azienda ha chiesto in particolare  un parere sulla sussistenza dei presupposti per il rilascio dell’autorizzazione delle procedure legate all’ esigenza di tutela del patrimonio aziendale e contro illeciti.

L’azienda vorrebbe eseguire in base a detta procedura :

a) l’esecuzione di controlli a campione sul contenuto delle borse di dipendenti e visitatori dei negozi attraverso sistemi di selezione imparziale che rendano casuale l’individuazione del soggetto da controllare;

b)  la possibilità da parte del responsabile del negozio di ispezionare gli armadietti siti negli spogliatoi aziendali che per tale ragione ad ogni fine turno dovranno essere lasciati aperti.

Il Ministero ha fatto presente che  le misure di controllo potrebbero in prima istanza  esorbitare dalla lettera della norma che disciplina le visite personali.  Per il Ministero è necessario verificare la sussistenza dei presupposti soggettivi e oggettivi della fattispecie e cioè se le modalità di controllo
rispettino le condizioni previste dall’art. 6  della L.300/70.

La  giurisprudenza di legittimità  ha affermato che un accordo sindacale è necessario per stabilire le regole per perquisire la persona del dipendente e non è richiesto per sottoporre a perquisizione i suoi effetti personali, come borse o bagaglio in genere, nell’assunto che solo nel primo caso sussisterebbero le prevalenti esigenze di tutela della riservatezza ed intimità della persona.

Un lettura evolutiva  della norma ha portato negli anni la giurisprudenza di merito a superare questo indirizzo e a ricomprendere nella procedura autorizzatoria per le visite personali di controllo anche l’ispezione degli oggetti di proprietà del lavoratore, quali borse, zaini, ed accessori simili .

Quindi per quanto previsto alla lettera a)  il controllo a campione può essere effettuato in seguito alla procedura di autorizzazione prevista dalla norma , attraverso opportuni meccanismi di selezione imparziale specificamente richiesti dalla norma e predisposti dall’azienda, in modo da rendere del tutto  casuale l’individuazione del soggetto da ispezionare.

Per l’art . 6 citato  l’accordo sindacale  la procedura autorizzatoria amministrativa riguarda controlli nei confronti dei soli lavoratori, e non si estendono ai controlli nei confronti dei visitatori.

Per i fini del provvedimento autorizzatorio è dirimente il giudizio sulla “indispensabilità” delle misure per le quali si chiede l’autorizzazione a derogare al generale divieto delle visite di controllo “ai fini della tutela del patrimonio aziendale in relazione alla qualità degli strumenti di lavoro o delle materie prime o dei prodotti”.

Il Ministero ricorda che l’indagine sulla sussistenza di tale requisito per la  giurisprudenza prevalente deve essere svolta in maniera particolarmente rigorosa e tenendo presente  le due  condizioni seguenti :

- sia la intrinseca qualità (con diverse possibili valenze: segretezza, pericolosità, elevato valore economico e/o agevole asportabilità) degli strumenti di lavoro o delle materie prime o dei prodotti

- sia l’impossibilità di prevenire i furti se non attraverso le perquisizioni personali (laddove, ad esempio, non sia possibile ricorrere ad adeguate registrazioni dei movimenti delle merci ovvero all’adozione di misure atte a disincentivare gli ammanchi stessi e a favorire, invece, la condotta diligentee fedele dei dipendenti).

Per la valutazione istruttoria preordinata alla emissione del provvedimento amministrativo – secondo il Dicastero- si è tenuti a verificare anche che detta esigenza di tutela non possa essere soddisfatta attraverso il ricorso a modalità di controllo alternative e meno.

Per il punto b ) il dicastero   ritiene che debba essere invece negata la necessità dell’accordo sindacale o, in alternativa dell’autorizzazione da parte della Direzione territoriale del lavoro . In effetti per tale aspetto vi è una oggettiva  difficoltà di ricondurre l’ispezione in parola alla fattispecie della “visita personale”, anche accogliendo un’accezione molto ampia della nozione tale da ricomprendere gli effetti personali del lavoratore

Per fornirti il miglior servizio possibile il nostro sito impiega Cookie tecnici ed analitici. Proseguendo nella navigazione oltre il seguente banner, anche rimanendo in questa pagina, viene espresso il consenso al loro impiego. Per avere ulteriori informazioni a riguardo e per disabilitare l'utilizzo dei Cookie da parte del nostro sito è possibile prendere visione della nostra Cookie Policy Cookie Policy