Il saldo delle ferie maturate nel 2015 devono essere godute entro il 30 .6.2017.

L’art. 10, comma 1 , del DLgs  66/2003, stabilisce che, fermo restando quanto previsto dall’art. 2109 del Codice civile, “il prestatore di lavoro ha diritto ad un periodo annuale di ferie retribuite non inferiore a quattro settimane. Tale periodo, salvo quanto previsto dalla contrattazione collettiva (…), va goduto per almeno due settimane, consecutive in caso di richiesta del lavoratore, nel corso dell’anno di maturazione e, per le restanti due settimane, nei 18 mesi successivi al termine dell’anno di maturazione”. La violazione di tale disposizione comporta ai sensi dell’art. 18 bis del citato Decreto la sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 600 euro. Se la violazione si riferisce a più di cinque lavoratori ovvero si è verificata in almeno due anni, la sanzione amministrativa è da 400 a 1.500 euro. Se la violazione si riferisce a più di dieci lavoratori ovvero si è verificata in almeno quattro anni, la sanzione amministrativa è da 800 a 4.500 euro e non è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta.

Il Ministero del Lavoro  con Circolare  8 /2005 ha ricordato  che si possono individuare  in virtù della disciplina  di riferimento  tre periodi di ferie:

a)    un periodo, di almeno due settimane, da fruirsi nell’anno  maturazione e ,se richiesto dal lavoratore ,  deve essere goduto in modo ininterrotto. Terminato  l’anno di maturazione, nel caso il lavoratore non abbia  interamente goduto del periodo feriale di due settimane, il datore di lavoro sarà passibile di sanzione;

b)    un secondo periodo di ferie, di due settimane, da fruirsi anche in modo frazionato, ma entro diciotto mesi dal termine dell’anno di maturazione, salvi i diversi periodi previsti dalla contrattazione collettiva;

c)    un ultimo periodo, superiore al minimo di quattro settimane previsto dalla legge, che potrà essere fruito anche in modo frazionato nei termini stabiliti dall’autonomia privata.

Il periodo di ferie  minimo previsto dall’art. 10 del Decreto citato  non può essere sostituito dalla relativa indennità sostitutiva per ferie non godute, salvo il caso di risoluzione del rapporto di lavoro.

I contributi dovuti  sul compenso per ferie maturate e non godute e la loro collocazione temporale sono così determinati :

- entro il termine fissato dalla legge o dalla contrattazione collettiva per la fruizione delle ferie;

- nel mese in cui cade il termine differito per la fruizione delle ferie dai regolamenti aziendali o dalle pattuizioni individuali rispetto alla previsione legale o contrattuale;

- in assenza di norme contrattuali, regolamenti aziendali o pattuizioni individuali, entro il 18º mese successivo alla fine dell'anno solare di maturazione delle ferie .

Determinato  il momento dell’obbligo contributivo i datori di lavoro devono sommare alla retribuzione imponibile del mese successivo a quello di scadenza delle ferie anche l'importo corrispondente al compenso per ferie non godute.

Pertanto entro il 30 giugno 2017  i datori di lavoro sono obbligati a verificare l’avvenuto godimento di almeno due settimane delle ferie maturate nel 2015 nel caso in cui non vi siano norme contrattuali di differimento.

Messaggio 2591 : avviso ai committenti della presenza di partite debitorie verso la GLA.

Con il messaggio 2591 del 21 u.s. l’Istituto da notizia dell’avvio della procedura  “Comunicazione di anomalia Gestione separata Committenti privati e pubbliche amministrazioni”
Con la nota di prassi recente  si comunica che sono state concluse le contabilizzazioni delle situazioni debitorie delle aziende committenti che, per l’anno 2016, hanno denunciato, tramite il flusso Uniemens, il pagamento di compensi ai soggetti iscritti alla Gestione Separata .
 
L’elaborazione di che trattasi è riferita sia a Committenti Privati che  Pubbliche Amministrazioni.
 
Nella situazione debitoria sono indicati :
 
  •     L’omesso pagamento del contributo dovuto, sia totale che parziale, relativo ad ogni singolo periodo mensile;
  •     Le sanzioni civili calcolate sul contributo omesso e/o sul ritardato versamento totale o parziale, ai sensi dell’art. 116, comma 8 lett. a) e/o b) della legge 388/2000.
 
Le partite  debitorie sono costantemente aggiornate e  pertanto  dal momento dell’elaborazione della comunicazione all’effettiva consultazione della stessa potrebbero esserci delle variazioni .
 
La comunicazione – composta da testo fisso, prospetti relativi alla situazione debitoria (contributi e sanzioni) e le istruzioni di pagamento (modello F24) – inserita nel  “Cassetto Committenti Gestione separata”.
 
Nel  Cassetto la presenza della elaborazione di che trattasi  è evidenziata con il messaggio “Attenzione: sono presenti delle comunicazioni da leggere” e, per gli intermediari, il segno di spunta di colore rosso indica aziende interessate assistite.
 
La comunicazione nel cassetto  è anticipata sia all’azienda committente o PP.AA che agli intermediari tramite messaggio di “alert” inviato all’indirizzo PEC/mail conosciuto dall’Istituto.
 
L’istituto precisa che la comunicazione debitoria è propedeutica al passaggio alle fasi successive per il recupero del credito tramite l’emissione dell’Avviso di addebito.

Sanarti riapre le iscrizioni al fondo

Con  Circolare  n° 6 del  dal 1° giugno  , presente sul proprio  sito istituzionale (www.sanarti.it) , il Fondo  comunica che sono riaperte le iscrizioni  volontarie dal 1° giugno al 15 dicembre 2017 per i familiari dei lavoratori dipendenti, per i titolari d’impresa artigiana, per  i soci/collaboratori dell’imprenditore artigiano e per i loro familiari.
 
Il  Fondo specifica che si intendono  per titolari e collaboratori :

A. Imprenditori artigiani, titolari e legali rappresentanti delle imprese artigiane, con o senza dipendenti;

B. Soci delle imprese artigiane;

C. Collaboratori degli imprenditori artigiani (familiari coadiuvanti, collaboratori a progetto, collaboratori occasionali);

D. Titolari di piccole e medie imprese non artigiane che applicano i CCNL previsti all’articolo 2 del regolamento del Fondo, a condizione che abbiano lavoratori iscritti a San.Arti;

La quota contributiva prevista per gli imprenditori artigiani, soci e collaboratori è annuale anticipata ed è pari a:

Età               15 ANNI- 68 ANNI     Quota Contributiva ordinaria annua   € 295

Per l’iscrizione volontaria  si deve  accedere a www.sanarti.it , e dall’area riservata del portale si potrà procedere:

i. Al pagamento della sola quota contributiva prevista per se stesso.

ii. alla registrazione dei dati anagrafici dei componenti del proprio nucleo familiare e al pagamento della quota contributiva.

Nel caso in cui invece il soggetto sia già registrato al Fondo San.Arti. può procedere al rinnovo dell’iscrizione.
 
Possono iscriversi al Fondo o rinnovare la propria iscrizione anche i seguenti familiari :

A. i familiari dei lavoratori dipendenti iscritti al Fondo SAN.ARTI.   di aziende che applicano uno dei CCNL di previsto dal regolamento istitutivo ;

B. i familiari dei lavoratori dipendenti delle Associazioni, datoriali e sindacali, confederali e categoriali, firmatarie degli accordi costitutivi e dei CCNL di settore , delle Organizzazioni a loro collegate, delle loro articolazioni territoriali e/o associative, nonché enti e strutture collaterali iscritti a SAN.ARTI;

C. I familiari di imprenditori artigiani, dei soci artigiani delle imprese artigiane, dei collaboratori degli imprenditori artigiani e dei titolari di piccole e medie imprese non artigiane che applicano i CCNL di settore.

Ai fini dell’iscrizione dei familiari è obbligatorio iscrivere l’intero nucleo familiare (coniuge o il convivente e tutti i figli di età inferiore a 18 anni con un reddito da lavoro inferiore a 6.000 euro lordi).

Il versamento della quota contributiva per i familiari è annuale anticipata ed è calcolata sulla base della fascia di età dei familiari, secondo il seguente schema:

Età       12 MESI E UN GIORNO - 14 ANNI           quota Contributiva ordinaria annua  €110

Età       15 ANNI – 67 ANNI                                quota Contributiva ordinaria annua  €175
 
Le più importanti prestazioni  del Fondo:

1.    PACCHETTO MATERNITA’;
2.    DIAGNOSTICA E VISITE SPECIALISTICHE;
3.    PACCHETTI PREVENTIVI E CHECK-UP GRATUITI;
4.    GRAVE INABILITA’ PERMANENTE;
5.    RICOVERO O INDENNITA’ DI RICOVERO PER GRANDE INTERVENTO CHIRURGICO;
6.    CONSULENZA MEDICO-FARMACEUTICA;
7.    NEONATI;
8.    ODONTOIATRIA.
Sono attivi altresì gli sportelli San.Arti. per  gli iscritti  al fine di avere maggiori informazioni sul Fondo.

Approfondimento ulteriore su Bonus sud del 13 giugno di Fondazione Studi

A valle dell’interlocuzione con ANPAL  vi è un ulteriore  approfondimento di Fondazione Studi dei CDL  del 13 giugno del 2017 sulla fruizione del bonus assunzioni Sud  in caso di trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto a termine.

Più in particolare  in relazione agli  ultimi chiarimenti intervenuti  a seguito della trasformazione di contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato di soggetti ultra ventiquattrenni, è stato richiesto  se sia corretto  usufruire del Bonus a seguito di istanza  accolta per il seguente caso :
 
1) Lavoratrice con età superiore ai ventiquattro anni assunta con contratto a tempo determinato dal 6/05/2014;  

2)  Trasformazione a tempo indeterminato in data 01/05/2017 (periodo di lavoro pari a 2 anni e 360 giorni circa);

3)  Richiesta di prenotazione somme Bonus (prima della trasformazione), regolarmente accolta;

4)  Istanza confermata con autorizzazione ad operare lo sgravio.


In tal caso  il  bonus è stato riconosciuto dalle procedure telematiche in quanto il suddetto requisito non viene accertato in tempo reale ma viene autodichiarato dal datore di lavoro, sotto la sua responsabilità.

Se  il datore di lavoro è già a conoscenza del fatto che il lavoratore non è in possesso di tutti i requisiti richiesti, deve astenersi dalla fruizione dell’agevolazione al fine di evitare che il bonus autorizzato sia recuperato in sede di controlli futuri .

Oltre al recupero di cui sopra  si ricordano  le conseguenze legate anche a  dichiarazioni mendaci
Carryhealthy.comPharmshop.bizPharmausabuyonline.comIvantagehealth.netBestpillelement.winPharmapillsdiscount.comLifestore24x7.comPharmashopbiz.com
buy generic levitra online
viagra buy online ireland
prednisone online paypal
viagra cialis order online
levitra with dapoxetine online
female viagra tablets online shopping in india
non prescription prednisone online
generic cialis viagra levitra onlinelevitra with dapoxetine onlinefemale viagra tablets online shopping in indianon prescription prednisone onlinegeneric cialis viagra levitra online

Per fornirti il miglior servizio possibile il nostro sito impiega Cookie tecnici ed analitici. Proseguendo nella navigazione oltre il seguente banner, anche rimanendo in questa pagina, viene espresso il consenso al loro impiego. Per avere ulteriori informazioni a riguardo e per disabilitare l'utilizzo dei Cookie da parte del nostro sito è possibile prendere visione della nostra Cookie Policy Cookie Policy